Rivenditori

Lo Champagne “Rosé" di C. Walczakè un Blanc de Noirs  Brut realizzato con uve di pinot meunier in purezza. Trascorre almeno ventiquattro mesi sui lieviti e rappresenta una perfetta sintesi tra frutto e potenza. È uno champagne fresco che non manca di vellutata morbidezza, uno splendido assaggio direttamente dalla spendida regione dell'Aube

 
 
E
0
 
Il tuo carrello è vuoto

BRUT ROSÉ

CHAMPAGNE CHRISTOPHE WALCZAK

CHAMPAGNE CHRISTOPHE WALCZAK
Aube (Rosé)
 
 
1000
€ 35,00
WALROS03      
Descrizione
 
Gallery
 
Video
 
Commenti
 
Contatti
 
Il Brut Rosé di M Walczak è uno Champagne che colpisce sin dai primi istanti per l’intensità dei profumi offerti al naso, coerenti con lo sviluppo di un sorso centrato e senza sbavature.

Il pinot noir è senza dubbio protagonista, grazie ai rimandi fruttati che costruiscono la spina dorsale di una degustazione perfettamente lineare.
Le uve, provenienti da viti che hanno un’età superiore ai 25 anni, vengono lavorate in acciao per ottenere l’intensità olfattiva ricercata e la particolare tonalità di colore.

La rifermentazione avviene poi in bottiglia – seguendo i principi produttivi del Metodo Champenoise – e lo Champagne affronta un periodo di maturazione sui lieviti, sempre in bottiglia.

Un’etichetta nata da M Walczak per accompagnare la tavola, ideale per quelle serate dove l’alta qualità delle materie prime richiede una bollicina altrettanto blasonata

Degustazione:

Si annuncia alla vista con un colore accattivante, che richiama la tonalità della ciliegia ben matura. Il perlage è fine, di buona persistenza.
Il naso si apre su note di frutta rossa, arricchite da cenni di menta e fiori essiccati, che terminano richiamando sensazioni di lieviti sul finale.
Al palato è di corpo medio, complesso ed elegante, con un sorso espressivo che si fa largo con purezza e freschezza.

Abbinamenti.
I frutti di mare rappresentano senza dubbio l’abbinamento vincente, anche se questo Champagne è da provare con ricette dove pollo e tacchino risultano centrali nella preparazione delle ricette. Per non sbagliare, provatelo con aragosta o capesante.